BIO      CONTACTS
Mark




Andrea Bernard  




©Anna Cerrato

Nato a Bolzano nel 1987 è regista e architetto.
Si fa conoscere nella scena internazionale grazie alla vittoria del prestigioso European Opera-directing Prize nel 2016 partecipando con il progetto di La Traviata che mette in scena al Festival Verdi di Parma 2017 in coproduzione con la Fondazione Haydn di Bolzano e Trento e il Teatro Comunale di Bologna. Per la stagione 23/24 del Circuito Lombardo (Teatro Fraschini di Pavia) mette in scena un nuovo allestimento di Don Carlo. Nel 2023 debutta al Teatro La Fenice con Ernani in coproduzione con il Palau de Les Arts di Valencia. Nel 2020 debutta al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con una nuova produzione di Don Pasquale ripresa al Teatro Carlo Felice di Genova nel 2023. Nel 2021 lavora all’Opera di Francoforte con la regia di Amadigi di G.F. Händel al Bockenheimer Depot. 



Nel 2022 debutta al Landestheater di Salibsburgo con una nuova produzione di Carmen. Per il Festival Donizetti di Bergamo mette in scena Lucrezia Borgia in coproduzione con I Teatri di Piacenza, Il Teatro Alighieri di Ravenna, I Teatri di Reggio Emilia e il Teatro Verdi di Trieste. Per il Teatro Sociale di Como mette in scena Carmen, la stella del circo Siviglia in coproduzione con il Bregenzer Festspiele, l’Opera de Rouen, il Théâtre des Champs-Élysées e l’Operà d’Avignon.
Inaugura la stagione del Theater Orchester Biel Solothurn in Svizzera  per tre anni consecutivi con le produzioni di La Cenerentola di Rossini, Fille du regiment di Donizetti e L’Italiana in Algeri di Rossini dove torna nel 2023 con il dittico Le Chalet Swiss (Le Chalet di Adam e La Betly di Donizetti) 
Viene chiamato a mettere in scena La Boheme  per l’Opera di Astana in Kazakistan.
Nel 2018 mette in scena l’opera La spada nella roccia di C.Anastasi per il Teatro Regio di Parma. In giugno 2019 mette in scena una nuova produzione di La Traviata per il Festival Como città della musica in ambito del progetto 200.com con più di 200 coristi della città di Como.

Contemporaneamente alla regia d’opera si occupa anche di teatro di prosa e dell’organizzazione di eventi artistici. Cura la regia e la coordinazione artistica dell’inaugurazione del NOI Techpark dell’Altoadige e dell’anniversario dei 20 anni del Teatro Comunale di Bolzano. 
Nella prosa debutta al Teatro Stabile di Bolzano nella stagione 2015/2016 con la regia di Brattaro mon amour di Paolo Cagnan curando anche le scenografie della produzione I Cavalieri di Aristofane con la regia di Roberto Cavosi. Nel 2020 vince il bando FuoriScena del Teatro Cristallo di Bolzano mettendo in scena La valigia di un gran bugiardo, uno spettacolo sulla figura di Fellini. 

Collabora con diversi musei italiani per l’allestimento di mostre (Palladio Museum, Musei Civici di Bassano).  

È semifinalista al concorso internazionale RING AWARD14 di Graz con il progetto dell’opera Der Freischütz. Nel 2016 è tra i tre finalisti del concorso OperaOggi di Opera Lombardia per la stesura e la messinscena di una nuova opera contemporanea. Nel 2017 torna a Graz come semifinalista al RING AWARD17 con il progetto dell’opera Don Pasquale.

Tra i prossimi impegni Viaggio a Reims per il Landestheater di Salisburgo, Turandot enigmi al museo per Opera Domani di Aslico. 





Born in Bolzano (Iatly) in 1987, he is a director and architect.
He gained international recognition by winning the prestigious European Opera-directing Prize in 2016, participating with the project for La Traviata, which he staged at the Verdi Festival in Parma in 2017, a co-production with the Fondazione Haydn of Bolzano and Trento, and the Teatro Comunale of Bologna. For the 23/24 season of the CircuitoLombardo (Teatro Fraschini di Pavia), he presented a new production of Don Carlo. In 2023, he made his debut at Teatro La Fenice with Ernani, a co-prodution with the Palau de Les Arts in Valencia. In 2020, he debuted at Teatro del Maggio Musicale Fiorentino with a new production of Don Pasquale, reprised at Teatro Carlo Felice di Genova in 2023. In 2021, he worked at the Frankfurt Opera, staging Amadigi by G.F. Händel at the Bockenheimer Depot.



©Anna Cerrato

In 2022, he made his debut at the Landestheater in Salzburg with a new production of Carmen. For the Donizetti Festival in Bergamo, he staged Lucrezia Borgia a co-production with I Teatri di Piacenza, Il Teatro Alighieri di Ravenna, I Teatri di Reggio Emilia, and the Teatro Verdi di Trieste. At the Teatro Sociale di Como, he presented Carmen, la stella del circo Siviglia a co-production with the Bregenzer Festspiele, the Opera de Rouen, the Théâtre des Champs-Élysées, and the Opéra d'Avignon. He inaugurated the season of the Theater Orchester Biel Solothurn in Switzerland for three consecutive years with productions of Rossini's La Cenerentola, Donizetti's Fille du régiment, and Rossini's L’Italiana in Algeri. In 2023, he returned with the diptych Le Chalet Swiss (Le Chalet of Adam and La Betly of Donizetti).

He was called to stage La Boheme for the Opera di Astana in Kazakhstan. In 2018, he staged the opera La spada nella roccia by C. Anastasi for the Teatro Regio di Parma. In June 2019, he presented a new production of La Traviata for the Como città della musica Festival as part of the 200.com project, involving over 250 choristers from the city of Como.

Simultaneously with opera directing, he is involved in prose theater and the organization of artistic events. He directed and artistically coordinated the inauguration of the NOI Techpark in Alto Adige and the 20th-anniversary celebration of the Teatro Comunale di Bolzano. In prose, he debuted at the Teatro Stabile di Bolzano in the 2015/2016 season with the direction of Brattaro mon amour by Paolo Cagnan. In 2020, he won the FuoriScena competition of the Teatro Cristallo di Bolzano, staging La valigia di un gran bugiardo a performance about the figure of Fellini.

He collaborated with various Italian museums for exhibition setups (Palladio Museum, Musei Civici di Bassano).

He was a semifinalist in the international competition RING AWARD14 in Graz with the project for the opera "Der Freischütz." In 2016, he was among the three finalists in the OperaOggi competition of Opera Lombardia for the creation and staging of a new contemporary opera. In 2017, he returned to Graz as a semifinalist in RING AWARD17 with the project for the opera "Don Pasquale."

Among his upcoming commitments are Viaggio a Reims for the Landestheater di Salisburgo, Turandot enigmi al museo for Opera Domani di Aslico and a new project for the Teatro Stabile di Bolzano with Paolo Fresu.